Dettagli del libro

Ismaele Boga: Da Milano a Capua Diario di Ismaele Boga, garibaldino 1860-1861. Nova Charta, 2006. Gli otto mesi che cambiano la storia dItalia e determinano, quasi inavvertitamente, lunificazione politica della penisola sono raccontati in questo diario inedito. Ismaele Boga (1839-1877) fa parte della spedizione Medici, che segue quella dei Mille e raggiunge le prime camicie rosse in Sicilia nel giugno del 1860. Seguendo il percorso di Garibaldi dallisola alla Campania, le annotazioni si concludono nel gennaio del 1861, ormai alla vigilia della proclamazione ufficiale del Regno dItalia e quando lesercito garibaldino gi in sostanza smobilitato. Non memorialistica, dunque, ma diario vero ed efficace nella restituzione istantanea non solo delle esperienze personali, bens anche del punto di vista del ventunenne volontario lombardo, protagonista prudente e attento narratore dei fatti. Dalla scoperta del Sud, nel calore delle sue donne e nella violenza del suo paesaggio culturale ancora intatto, alle figure di Garibaldi e di Vittorio Emanuele II, colte tra presa diretta e immaginario sociale, alla rappresentazione ambigua dei combattenti di parte borbonica, il manoscritto vivacizzato da schizzi e disegni, riprodotti integralmente in questa prima edizione del quaderno autografo composto di 134 carte n.n. (150 x 230 mm), di cui 9 bianche e 10 illustrate con disegni analogamente a matita o a inchiostro: Diario di Ismaele Boga di Milano, Volontario nella Brigata Medici 8a Compagnia Milano. 1860-61. Fonte preziosa per una rilettura dei caratteri del volontariato garibaldino e delle motivazioni talora eccentriche di coloro che fecero lItalia, il diario arricchito dallampio apparato critico di Eva Cecchinato e dalla riflessione preliminare di Mario Isnenghi. Limpresa di Sicilia tutto questo: una straordinaria congiuntura di eventi materiali e simbolici ; una tumultuosa concentrazione di gesti,incontri, percezioni, che innesca un bisogno di scrittura cos diffuso e generalizzato da dar luogo a una letteratura garibaldina riconosciuta dai critici come tale, che per solo la parte emersa di un'affabulazione diffusa: sotto il primo strato degli Abba, Alberto Mario, Bandi, Costa, Barrili e, primo fra tutti, Garibaldi - c un secondo strato di diaristi e memorialisti che in qualche punto del mezzo secolo seguito ai fatti pervenuto alla stampa in modeste tipografie di provincia e ora giace semisepolto in poche copie disperse; mentre un terzo e non numerabile strato di manoscritti, rimasti inediti dopo avere svolto le proprie funzioni descrittive e compensatorie, riemerge a tuttoggi dai cassetti di pi o meno lontani e dimentichi eredi . il caso fortunato di questo diario inedito di Ismaele Boga. Boga ventun anni nel 1860 e gi volontario nella guerra del 59 - fa parte della seconda ondata di 2500 volontari, comandati da Medici: con le successive spedizioni, e con i locali tirati dentro sul posto, lesercito meridionale arriver fra maggio e autunno a superare i 40.000 uomini. (Mario Isnenghi) Il diario del 1860-61 che Ismaele Boga ci ha lasciato con quel poco che lo anticipa nel 1859 copre un breve arco cronologico fondamentale per la storia dItalia: sullo sfondo sta la nascita di un nuovo Stato, e il venir meno di alcune realt istituzionali preunitarie. Prima fra tutte il Regno borbonico, al cui crollo il garibaldino allo stesso tempo contribuisce ed assiste, con lo sguardo di chi crede che le cose, in fondo, non avrebbero potuto concludersi diversamente. Uomini, talvolta ragazzi, disposti come lui a rischiare la vita, o comunque a mettere in discussione gli equilibri consolidati del proprio percorso esistenziale, dovevano necessariamente nutrire questa scelta di motivazioni forti, di idealit politiche che potevano avvicinarsi molto alla fede. La convinzione che la corrispondenza tra appartenenza nazionale intesa in senso essenzialmente culturale e organizzazione statale fosse la premessa necessaria di una piena cittadinanza politica per milioni di italiani, elemento centrale del patrimonio ideale a cui il garibaldinismo faceva riferimento. (Eva Cecchinato)

n.ro catalogo: 5

(Veneto)

Prezzo: 28,00 escluse spese di spedizione

Note di spedizione
I prezzi sono comprensivi di IVA e fissi per tutti. Coloro che desiderano fattura sono pregati di indicarlo al momento dellordine, specificando lesatta intestazione, comprensiva di Partita Iva o Codice Fiscale, da riportare sul documento. Non si inviano opere in visione; i libri si intendono completi e lo stato di conservazione descritto nella scheda del libro. La vendita si intende con diritto di recesso da esercitarsi a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno entro 10 giorni dal ricevimento della merce. Non necessario motivare il recesso. Per qualsiasi controversia competente il Foro nella Sede della Libreria.

Ismaele Boga in �

Veneto in �

Nova Charta
Via Dietro Duomo, 22 - 35139 Padova - Italia
invia un messaggio e.mail
site: www.novacharta.it
tel: +39 49 657574
fax: +39 49 8780842

Libribooks.com � 2002-2015 :: Tutti i diritti sono riservati :: P.I. 02257081204 :: Termini legali :: Informativa sui Cookie :: Chi siamo :: Scrivici :: Entra in Libribooks :: Accesso librerie